Navigation

Aeroporto di Berna, verso nuovo taglio occupazionale

Lo scalo era stato messo in ginocchio dal grounding di Skywork. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2020 - 11:00
(Keystone-ATS)

Si annuncia un nuovo taglio occupazionale all'aeroporto di Berna, scalo regionale che - come quello di Lugano - sta lottando per la sua sopravvivenza.

Nel 2019 - anno seguito al fallimento della compagnia SkyWork - i passeggeri sono scesi del 76%, ricordano i vertici della società di gestione Flughafen Bern in un comunicato odierno. Grazie alla buona capitalizzazione è stato comunque possibile sopportare la contrazione dei ricavi.

Da marzo è però intervenuta la crisi del coronavirus. Grazie al lavoro ridotto, al quasi azzeramento degli investimenti e ad altre misure l'azienda è riuscita a mantenere l'esercizio. Per il futuro il consiglio di amministrazione sta valutando varie opzioni, con o senza un servizio di passeggeri per il grande pubblico. In ogni caso non potranno essere evitati aumenti delle tasse aeroportuali per i velivoli più grandi e un ulteriore taglio dell'organico, mettono in guardia i manager. Flughafen Bern impiega al momento circa 90 persone, per un totale di 51 posti a tempo pieno.

Come noto quest'estate spiccherà il volo il nuovo vettore bernese FlyBair, che proporrà collegamenti verso mete di vacanze. FlyBair è una cosiddetta compagnia virtuale: non dispone cioè di apparecchi propri, si limita a noleggiarli.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.