Navigation

Aeroporto di Zurigo non crescerà più come altri scali

Futuro più incerto anche per Zurigo? KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2019 - 10:10
(Keystone-ATS)

Non solo a Lugano ci si interroga sugli sviluppi relativi all'aeroporto: a Zurigo solleva interesse la notizia che nessuna compagnia ha mostrato interesse per due ulteriori collegamenti a lungo raggio che lo scalo voleva proporre poco dopo le 22.00.

"L'aeroporto di Zurigo crescerà in futuro in modo lento", afferma Andreas Wittmer, professore all'Università di San Gallo ed esperto di aviazione, in un'intervista pubblicata oggi da 20 Minuten. "Tassi di progressione come nel resto d'Europa o del mondo saranno difficilmente possibili". Comunque se si investirà nell'infrastruttura si potrà puntare su una crescita annua del 2,0-2,5% sino al 2050.

Per Wittmer il fatto che nessuna aviolinea si sia fatta avanti per i due collegamenti in questione è anche una conseguenza delle nuove tariffe, che prevedono prezzi più elevati a partire dalle 21.00. Inoltre per i voli verso l'Asia, per i quali la domanda sussiste, la fascia oraria dopo le 23.00 sarebbe più attraente. Negli ultimi tempi - sottolinea 20 Minuten - l'attività a Zurigo è aumentata in modo nettamente meno marcato che a Basilea o negli altri hub del gruppo Lufthansa quali Francoforte, Monaco e Vienna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.