Alice Weidel, co-presidente del partito Alternative für Deutschland, è ufficialmente indagata per aver violato la legge sul finanziamento ai partiti, come ha comunicato nel pomeriggio la procura di Costanza, in Germania.

Weidel è indagata, insieme ad altre tre persone della circoscrizione elettorale dell'Afd del lago di Costanza, per aver ricevuto sul conto della circoscrizione 130.000 euro da un'azienda farmaceutica svizzera, con oggetto: "donazione per campagna elettorale". La legge tedesca però vieta il finanziamento ai partiti da paesi non Ue.

La procura ha chiesto al Parlamento l'autorizzazione a procedere, data l'immunità di cui gode la parlamentare. Una risposta è attesa entro 48 ore.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.