Navigation

Afghanistan: 300 i morti delle valanghe

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2015 - 07:13
(Keystone-ATS)

È salito ormai a circa 300 il numero delle vittime delle intense nevicate e delle valanghe che hanno interessato negli ultimi giorni la metà delle province afghane ed in particolare quella centro-settentrionale del Panjshir. Il nuovo bilancio, riferisce il portale di notizie Khaama Press, è stato tracciato oggi dal coordinatore del governo Abdullah Abdullah durante il Consiglio dei ministri.

Soltanto nel Panjshir, in una settimana il maltempo ha causato oltre 200 vittime, mentre decine di corpi sono ancora sotto la neve. Pesante è anche il bilancio dei morti in Badakhshan, Baghlan e Faryab. Oltre a quelle di vite umane, sono state anche forti le perdite legate al bestiame, ai raccolti e alle infrastrutture abitative.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.