Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KABUL - I servizi di informazione afghani hanno annunciato oggi l'arresto di sette persone che sarebbero responsabili di numerosi cruenti attentati, fra cui quello spettacolare del 26 febbraio scorso nel centro di Kabul che è costato la vita a 16 persone, fra cui lo 007 italiano Pietro Antonio Colazzo.
In una conferenza stampa, il portavoce del Dipartimento nazionale della sicurezza, Sayed Ansari, ha precisato che le persone sono state catturate nei giorni scorsi e che agivano "dietro ordini del 'governatore ombra' di Kabul, Daoud Shurkha", che sarebbe nascosto in Pakistan.
Un altro degli attentati di cui i sette sarebbero responsabili, ha indicato Ansari, è quello che sei giorni fa è costato la vita nella capitale afghana a 18 persone, fra cui sei militari statunitensi ed uno canadese.

SDA-ATS