Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un commando di talebani, fra cui alcuni kamikaze, ha attaccato la notte scorsa il carcere centrale della provincia orientale di Ghazni liberando oltre 350 detenuti. Lo ha confermato oggi all'ANSA un responsabile locale.

"Stiamo facendo le verifiche di quanto accaduto - ha aggiunto la fonte - ma posso dire che fra i fuggitivi vi sono militanti talebani e criminali comuni". L'operazione è stata rivendicata dal portavoce degli insorti Zabihullah Mujahid.

In un comunicato i talebani hanno precisato che "l'attacco coordinato è stato realizzato da dieci kamikaze, di cui tre sono morti, e da decine di altri militanti che dopo alcune ore di scontri hanno sopraffatto la resistenza delle forze di sicurezza entrando nella prigione".

Un responsabile della sicurezza afghano ha dichiarato ai media che almeno dieci soldati sono morti nel tentativo di impedire il blitz agli insorti.

Da parte sua un giornalista locale ha confermato all'ANSA che la battaglia per il controllo della prigione " è durata tre ore, fra le 2 e le 5 locali".

Nella sua rivendicazione Mujahid ha precisato che "i detenuti sono stati trasferiti in una zona sotto controllo dei talebani"

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS