Tutte le notizie in breve

Un'immagine di una moschea di Herat (archivio)

KEYSTONE/AP/RODRIGO ABD

(sda-ats)

Un attentato è stato realizzato oggi contro la Jam-e-Mosque di Herat City, capoluogo della omonima provincia occidentale afghana, con un bilancio provvisorio di sette morti e 20 feriti.

Lo ha reso noto oggi il ministero dell'Interno a Kabul.

Non è ancora chiaro cosa abbia determinato l'esplosione che non è stata ancora rivendicata.

In mattinata, mentre si aprivano i lavori della Conferenza internazionale per la pace e la cooperazione per la sicurezza, un razzo è esploso nell'area dell'ambasciata indiana nella capitale afghana.

La dinamica dell'attentato è stata riferita dal portavoce della polizia di Herat City, Abdul Ahad Walizada, secondo cui è stata fatta saltare una importante carica di esplosivo collocata su una motocicletta di fronte al cancello principale di ingresso della Grande Moschea della città.

Un giornalista locale ha detto all'agenzia italiana ANSA che il numero delle vittime fra i fedeli che si recavano a pregare durante il mese sacro del Ramadan potrebbe crescere perché molti dei 20 feriti ricoverati negli ospedali sono in gravi condizioni.

Nessun gruppo ha per il momento rivendicato l'attentato che, insieme a quelli realizzati a Kabul, è il quarto importante nell'ultima settimana, con un bilancio complessivo di quasi 190 vittime.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve