Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un uomo che indossava un'uniforme della polizia afghana ha ucciso tre soldati dell'Isaf, la forza internazionale di assistenza alla sicurezza sotto comando Nato, nel sud dell'Afghanistan. Lo ha comunicato l'Isaf. È in corso l'indagine, e come è solito non è stata diffusa la nazionalità delle vittime.

L'uomo che ha sparato contro i militari Isaf, e che a quanto sembra è riuscito a dileguarsi, indossava un'uniforme della Polizia nazionale afghana per l'ordine pubblico (Ancop), una forza d'élite composta di poco più di 5'000 uomini dispiegata a Kabul e nelle province di Paktia, Kandahar, Herat e Mazar-i-Sharif.

Dall'inizio dell'anno i casi di membri in divisa della polizia e dell'esercito afghano che uccidono soldati stranieri sono cresciuti. Secondo un calcolo ufficioso, questi episodi, riconosciuti convenzionalmente con la dizione "green on blue", sono stati 18, con un bilancio di almeno 26 morti.

Si tratta delle prime vittime militari straniere del mese di luglio, mentre il bilancio dall'inizio dell'anno, secondo un calcolo non ufficiale di un'organizzazione non governativa, è di 223 morti appartenenti all'Isaf.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS