Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KABUL - Nel terzo episodio delle stesso tipo denunciato in sole 24 ore, la Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf) ha reso noto oggi di aver ucciso per errore in Afghanistan alcuni civili.
Dopo i dodici cittadini afghani morti domenica per il lancio sbagliato di due razzi durante l'operazione Mushtarak (Insieme) in corso nella provincia meridionale di Helmand, e dopo i cinque deceduti ieri sotto un bombardamento aereo nella provincia di Kandahar, ora l'Isaf rivela che tre altri civili sono morti nelle ultime ore nel distretto di Nad Ali (Helmand).
Nel primo caso, riferisce un comunicato, due civili, ritenuti in un primo momento talebani, si sono trovati in mezzo ad una sparatoria con gli insorti. Entrambi sono rimasti feriti ed uno é deceduto per la gravità delle ferite riportate dopo essere stato colpito da un militare della Nato.
Negli altri due episodi, invece, si è trattato di civili che non hanno rispettato l'alt intimato da soldati dell'Isaf, che hanno sparato credendo potesse trattarsi di talebani.
"Questi incidenti - ha dichiarato il colonnello Steven Baker - rappresentano alcune delle più difficili situazioni che si trovano a dover fronteggiare le forze afghane e dell'Isaf nell'ambito dell'operazione Mushtarak".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS