Navigation

Afghanistan: marcia contro profanazione corano, 10 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 gennaio 2010 - 20:46
(Keystone-ATS)

KABUL - È di dieci morti e 25 feriti il bilancio delle vittime civili registrato durante una manifestazione di protesta in Afghanistan per la profanazione di un Corano nella provincia meridionale di Helmand attribuita dalla popolazione locale alle truppe internazionali e afghane, ma smentita dalla NATO. Lo scrive oggi l'agenzia di stampa afghana Pajhwok.
A Kabul un responsabile della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf) ha negato categoricamente l'accaduto, sostenendo che però bisognerà attendere il risultato di una inchiesta indipendente.
All'origine di tutto, precisa l'agenzia, ci sarebbe stato - secondo testimonianze oculari - un'operazione compiuta domenica scorsa nel distretto di Garmsir da soldati della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf) contro la casa di un anziano capo tribale, Haji Qayyum. Nell'operazione sono rimasti uccisi tre membri della sua famiglia e sarebbero stata distrutte copie del Corano in una moschea.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.