Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KABUL - Un militare dell'Isaf è rimasto ucciso in una regione orientale dell'Afghanistan da "un colpo indiretto". Lo ha reso noto la Nato in un comunicato diffuso a Kabul.
Come è ormai prassi, la nazionalità della vittima non è stata precisata. L'espressione 'colpo indiretto', in genere, viene utilizzata per indicare un razzo o un proiettile di artiglieria.
Dall'inizio dell'anno, salgono così a 173 i militari stranieri rimasti uccisi in Afghanistan.

SDA-ATS