Navigation

Afghanistan: Mosca premiava attacchi a soldati USA

La Russia ricompensava i militanti legati ai Talebani che si rendevano protagonisti di attacchi mortali alle forze alleate in Afghanistan. KEYSTONE/AP/Steve Ruark sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2020 - 09:52
(Keystone-ATS)

La Russia ricompensava i militanti legati ai Talebani che si rendevano protagonisti di attacchi mortali alle forze alleate in Afghanistan. L'informativa degli 007 USA è arrivata per la prima volta sulla scrivania di Donald Trump almeno alla fine del marzo scorso.

Una vera e propria "taglia" soprattutto per l'assassinio di soldati americani. A rivelarlo è il New York Times, spiegando che l'operazione architettata dal Cremlino è stata condotta da un'unita' segretissima dell'intelligence militare di Mosca, nell'ambito di un piano molto più vasto teso su più fronti a destabilizzare l'America e il mondo occidentale.

Per mesi - riporta sempre il Times - il Consiglio per la sicurezza nazionale della Casa Bianca avrebbe discusso su come rispondere a questa grave situazione, valutando tutta una serie di azioni diplomatiche forti e di sanzioni, ma alla fine ancora nulla sarebbe stato autorizzato e nulla sarebbe stato deciso. Questo nonostante almeno 20 soldati americani siano stati uccisi in Afghanistan nel 2019.

Se fosse dimostrato che gli attacchi alle forze Usa e della Nato siano stati incentivati da Mosca questo rappresenterebbe una pericolosa ed enorme escalation delle tensioni tra la Russia da una parte e degli Stati Uniti e i loro alleati dall'altra, con le due parti già "in guerra" soprattutto sul fronte del cyberspazio e della disinformazione.

Intanto - riporta sempre il NYT - il Cremlino respinge le accuse, affermando per bocca di Dimitry Peskov, il portavoce di Vladimir Putin, che Mosca non è stata messa in alcun modo a conoscenza di queste accuse, né da Washington né da altre capitali dei Paesi Nato. Bocche cucite per ora al Pentagono e dei vertici dei talebani.

La vicenda è comunque destinata a gettare ulteriori ombre sui rapporti di Donald Trump con la Russia, con il presidente americano che, nonostante le tensioni, ha continuato ad avere un atteggiamento accomodante nei confronti del Cremlino, a dispetto dai consigli del segretario di Stato Mike Pompeo e dei falchi della sua amministrazione.

Il raggiungimento della pace in Afghanistan e il ritorno delle truppe Usa a casa è una delle promesse simbolo della campagna per la rielezione del tycoon alle presidenziali di novembre.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.