Navigation

Afghanistan: NATO, Panetta indica calendario cambio ruolo

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2012 - 10:06
(Keystone-ATS)

Delineando per la prima volta con chiarezza la possibile evoluzione del ruolo delle forze statunitensi e della NATO in Afghanistan, il segretario alla difesa Leon Panetta ha affermato oggi che entro la metà del 2013 i militari americani e di altre forze internazionali cercheranno di porre fine alle loro attività di combattimento per concentrarsi su quelle di addestramento e assistenza delle forze afghane.

"La speranza è che per la seconda metà del 2013 saremo in grado di passare dal ruolo di combattenti a quello di istruttori, consiglieri e fornitori di assistenza", ha detto Panetta ai giornalisti a bordo dell'aereo che lo ha condotto a Bruxelles alla riunione dei ministri degli esteri della NATO.

Secondo quanto riferisce il Washington Post, Panetta ha affermato che le forze USA e NATO rimarranno attivamente impegnate ad aiutare le forze afghane ad operare sul terreno, poiché nonostante sia cresciuto per dimensioni e capacità, l'esercito afghano ancora dipende dai militari americani per assistenza aerea, movimento truppe, forniture e assistenza medica.

"Sarà ancora un ruolo robusto quello che avremo", ha detto, anche se "non sarà un ruolo di combattimento come quello che abbiamo ora". Ma questo non significa, ha aggiunto, "che non saremo pronti a combattere. Lo saremo, perché dobbiamo sempre essere in grado di difenderci".

L'alleanza ha concordato di avviare nel 2011 il processo di transizione in Afghanistan e di concluderlo entro la fine del 2014, restituendo la sicurezza dell'intero paese nelle mani di soldati e poliziotti afghani addestrati, che continueranno ad essere assistiti dalla comunità internazionale.

Tuttavia, l'annuncio francese del ritiro anticipato alla fine del 2013 delle proprie truppe dall'Afghanistan è destinato a dominare la riunione dei ministri della Difesa della NATO, che oggi e domani a Bruxelles, nonostante la convinzione che "in Afghanistan si è cominciato insieme e si finirà insieme" che si raccoglie al quartiere generale dell'Alleanza.

Il calendario ora delineato da Panetta sembra fornire un possibile "ponte" proprio alle nuove esigenze francesi, nota la AP aggiungendo che allo stesso tempo si adatta al calendario politico americano, consentendo al presidente Barack Obama, in campagna elettorale per la sua rielezione a novembre, di annunciare che oltre ad aver portato a casa tutte le truppe dall'Iraq ha anche impresso un'accelerazione alla fine dei combattimenti in Afghanistan.

"Una delle cose di cui discuteremo (alla riunione di Bruxelles) sono le dimensioni che dovrebbe avere l'esercito afghano, ma questo dipende molto dai fondi che saranno messi sul tavolo", ha ancora detto Panetta, che non ha fornito indicazioni su una possibile ulteriore riduzione delle forze americane sul campo. Al momento gli Stati Uniti hanno circa 90'000 soldati in Afghanistan, 22'000 dei quali dovrebbero tornare in patria entro il prossimo autunno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?