Navigation

Afghanistan: NATO ammette uccisione per errore ragazzi, Times

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2010 - 18:41
(Keystone-ATS)

LONDRA - Fonti della Nato hanno ammesso, in una dichiarazione in esclusiva al quotidiano britannico Times, che una forza d'assalto lo scorso dicembre ha ucciso per errore dieci ragazzi fra i 12 e i 18 anni che si trovavano in un edificio nella parte orientale dell'Afghanistan, vicino al confine col Pakistan.
La notizia arriva mentre infuria una polemica sulle numerose vittime civili dell'ultima offensiva condotta dalle forze Nato in Afghanistan e dopo il richiamo del comandante delle truppe Usa e della coalizione, Stanley McChrystal, che ha detto che le morti di civili rischiano di causare una "sconfitta strategica".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.