Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il rapporto tra talebani ed al-Qaida è andato in crisi e le due organizzazioni sono sempre più ai ferri corti, il che permette all'Occidente di approfittarne per approfondire il dialogo con le frange più aperte dei talebani. È quanto emerge da uno studio della New York University dal titolo politicamente significativo: "Separating the Taliban from al-Qaeda: the Core of Success in Afghanistan", ossia "Separare i talebani da al-Qaida, la chiave del successo in Afghanistan". Gli autori sono due professori universitari esperti dell'area, Alex Strick van Linschoten e Felix Kuehn.

"I talebani e al-Qaida sono due gruppi distinti con degli obiettivi, delle ideologie e dei metodi di reclutamento differenti. Tra i due gruppi sono emersi forti screzi sin dall'11 settembre 2001, frizioni che persistono tuttòoggi", si legge nel documento.

Lo studio suggerisce inoltre di avviare un dialogo con i comandanti talebani più anziani invece che attacarli militarmente. La loro scomparsa infatti provoca solo un rapido ricambio generazionale con la presa del comando da parte di talebani meno esperti e sicuramente più radicali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS