Navigation

Afghanistan: talebani a Nato, ritiratevi come i francesi

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2012 - 20:36
(Keystone-ATS)

I talebani afghani hanno rivolto oggi un appello ai paesi membri della Nato a seguire l'esempio della Francia, ritirandosi "al più presto possibile dall'Afghanistan".

Poco prima dell'inizio del Vertice dell'Alleanza a Chicago, i seguaci del Mullah Omar hanno pubblicato nel loro sito Internet una Dichiarazione dell'Emirato islamico dell'Afghanistan in 13 punti in cui sostengono che "l'invasione (...) è stata un'azione ingiustificata e tirannica". Dopo aver ricordato che secondo le agenzie di intelligence americane, compresa la Cia, i membri di Al Qaida hanno praticamente tutti abbandonato l'Afghanistan, e che forse ne sono restati una cinquantina, i talebani sostengono che "la presenza militare dell'America non è quindi per la loro sicurezza ma una strategia a lungo termine per trasformare il nostro paese e la regione in una loro colonia".

In questo ambito, "la decisione del nuovo presidente francese François Hollande di ritirare tutte le truppe entro la fine dell'anno è una scelta fatta prendendo atto della realtà e riflettendo sull'opinione della nazione". "Rivolgiamo un appello a tutti gli altri paesi membri della Nato - si dice ancora - affinché evitino di operare per gli interessi politici degli Usa e rispondano alla domanda della propria gente rimuovendo immediatamente le loro truppe dall'Afghanistan".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?