Navigation

AG: animali maltratti, rilasciato proprietario

La carcassa della pecora che ha fatto scattare l'ispezione della fattoria. KEYSTONE/KANTONSPOLIZEI AARGAU sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 febbraio 2020 - 14:27
(Keystone-ATS)

È stato rilasciato l'uomo arrestato la scorsa settimana a Oftringen (AG) per molteplici maltrattamenti nei confronti di suoi animali.

Il proprietario era stato fermato dopo il ritrovamento nella sua fattoria di diverse bestie morte, persino in stato di decomposizione, e di altre in pessime condizioni.

Inoltre, il giudice dei provvedimenti coercitivi ha respinto la richiesta del pubblico ministero di Zofingen-Kulm, che chiedeva di vietare all'uomo la detenzione di animali, informa oggi in una nota la procura cantonale argoviese. Una delle motivazioni è che tutti gli animali ancora vivi sono stati trasferiti e che l'imputato ha dichiarato di non volerne più tenere in futuro.

In ogni caso, non sarà necessario ricorrere in appello contro la decisione. Questo perché, viene spiegato nel comunicato, il Servizio veterinario cantonale, che agisce indipendentemente dalla giustizia, ha già emanato con effetto immediato lo stesso divieto. Ciò scongiurerà la continuazione di tale situazione a rischio.

L'uomo, un 57enne, ha precedenti penali per violazioni della legge sulla protezione degli animali. Lo scorso luglio è stato condannato dalla procura di Zofingen-Kulm tramite decreto d'accusa a una pena pecuniaria con la condizionale e a una multa. A novembre è stato emesso un ulteriore decreto d'accusa, contro il quale è stato presentato ricorso.

Durante l'interrogatorio, il protagonista della vicenda si è giustificato dicendo di essere oberato con l'allevamento a causa dei molti anni di cure intensive della madre e della sua recente morte. L'imputato, contro cui è stato aperto un procedimento penale, possedeva pecore, capre e polli. Proprio il ritrovamento di un ovino morto in un pascolo ha fatto scattare l'allarme e spinto le forze dell'ordine a compiere l'ispezione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.