Navigation

AG: Freddy Nock assolto per mancanza di prove

Una "relazione tossica", ma mancano prove. Il funambolo Freddy Nock, accompagnato dalla figlia, si dirige verso il Tribunale cantonale argoviese, dove è stato assolto dall'accusa di aver tentato di uccidere la moglie. KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2020 - 15:15
(Keystone-ATS)

Il funambolo Freddy Nock, 56 anni, è stato assolto in appello dall'accusa di aver tentato di uccidere la moglie in un episodio che risale al 2013. Il Tribunale cantonale argoviese ha stabilito che non esistono prove oggettive.

Quella fra il funambolo e la moglie - oggi 45enne - è stata una "relazione tossica", ha detto il presidente del tribunale presentando la sentenza. In assenza di testimonianze dirette è praticamente impossibile stabilire come si siano effettivamente svolti i fatti.

L'11 dicembre di un anno fa, il Tribunale distrettuale di Zofingen (AG) aveva condannato Nock a 30 mesi di prigione - dieci mesi da scontare e altri 20 sospesi con la condizionale - per l'accusa di tentato omicidio intenzionale della moglie.

A causa del rischio di fuga e di recidiva, la corte aveva anche ordinato la carcerazione di sicurezza dell'imputato. Otto giorni dopo, il noto funambolo è tuttavia ritornato a piede libero grazie ad un ricorso accolto dal Tribunale cantonale.

Contro la sentenza di primo grado hanno fatto appello sia il Ministero pubblico, che chiedeva per Freddy Nock una condanna a sette anni e mezzo, sia la difesa, che si era battuta per l'assoluzione da tutte le accuse.

Nock era accusato di diversi episodi di violenza domestica che risalgono agli anni 2008, 2013 e 2014. La moglie non aveva sporto denuncia all'epoca dei fatti, ma soltanto dopo aver chiesto il divorzio e nell'ambito della vertenza legale per la custodia del figlio. Nock e la donna si sono sposati nel 2013 e dal 2017 sono separati. La coppia ha avuto un figlio che oggi ha 9 anni e vive con la madre.

Freddy Nock si è fatto conoscere dagli anni '90 per le sue gesta entrate nel Guinness dei primati. Nel 2015, ha ad esempio percorso in 39 minuti i 347 metri che separano il Pizzo Bianco e il Piz Prievlus, camminando su un cavo teso tra le due cime grigionesi sopra uno strapiombo di 1000 metri.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.