Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sette persone si sono costituite alla polizia a quattro giorni dalla pubblicazione su internet delle immagini delle telecamere di sorveglianza che lo scorso novembre avevano ripreso una maxi rissa fra tifosi di fazioni avverse alla stazione di Aarau. Tutti e sette sono domiciliati nel canton Argovia, indica oggi la polizia cantonale.

Il 22 novembre 2014, alcuni tifosi del FC Zurigo avevano azionato il freno d'emergenza del treno speciale su cui stavano viaggiando, al rientro da una partita, per affrontare i fan del FC Aarau.

Nella rissa erano rimasti coinvolti tra i 40 e i 70 uomini a volto coperto e in parte armati di manganello. Erano stati lanciati anche oggetti pirotecnici.

All'arrivo della polizia, gli hooligan erano già fuggiti attraversando i binari della stazione. Solo un 20enne giaceva a terra, con una frattura alla mascella e un'emorragia cerebrale che l'ha costretto a passare diversi giorni in ospedale.

Agli inizi di febbraio la polizia ha identificato e fermato sette individui, nel frattempo ritornati a piede libero, sospettati di aver partecipato alla rissa. Altri sette si sono ora costituiti dopo che le forze dell'ordine hanno pubblicato, come annunciato, le immagini degli scontri.

Sulle fotografie pubblicate lunedì scorso i volti dei sospetti erano resi irriconoscibili, ma la polizia ha fatto sapere che a distanza di una settimana avrebbe pubblicato le immagini originali. Sei delle sette persone che si sono costituite sono cittadini svizzeri fra i 18 e i 22 anni d'età, mentre la settima è un tedesco di 36 anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS