Navigation

AG: nuovi roghi dolosi a Merenschwand, fermate dieci persone

Una serie di incendi dolosi sta allertando le autorità a Merenschwand (AG) questa settimana: lunedì una panchina è andata in fiamme (foto polizia cantonale argoviese) Polizia cantonale argoviese) sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 dicembre 2019 - 13:25
(Keystone-ATS)

Una serie di incendi dolosi sta allertando le autorità a Merenschwand, nel canton Argovia. La scorsa notte i vigili del fuoco hanno spento due roghi, ma si tratta già del quarto caso dalla scorsa domenica. Dieci persone sono state fermate.

Le fiamme la scorsa notte sono divampate in una casa unifamiliare, indica in una nota odierna la polizia cantonale argoviese. I pompieri sono intervenuti per un incendio nel garage, ma un altro rogo si è sviluppato dalla cantina sul retro dell'abitazione.

In breve tempo i vigili del fuoco hanno domato le fiamme, impedendo che la casa andasse distrutta. I danni, precisa la polizia, sono relativamente contenuti.

La Polizia conferma dieci fermi

La Procura di Muri-Bremgarten ha aperto un'inchiesta e le indagini della polizia sono attualmente in corso. Inoltre, le autorità aggiungono che a causa della situazione la presenza sul terreno degli agenti è stata aumentata.

Oggi, in seguito a una notizia della "Aargauer Zeitung", le forze dell'ordine hanno confermato il fermo di dieci persone. Tuttavia per motivi legati all'inchiesta non sono state fornite ulteriori informazioni.

Nel corso della settimana i vigili del fuoco sono entrati in azione altre tre volte: domenica scorsa le fiamme hanno distrutto una vecchia fattoria e un fienile. I residenti hanno fatto in tempo a lasciare l'abitazione. Lunedì sera invece sono state avvolte dalle fiamme una panchina nei pressi della chiesa e una vecchia stalla. Il rapido intervento dei pompieri ha permesso di spegnere gli incendi in poco tempo.

Roghi in estate, due arresti

Già questa estate sono avvenuti diversi roghi in poco tempo nella località argoviese: in totale si tratta dell'ottavo caso in pochi mesi. Ad agosto la polizia aveva arrestato un 22enne e una 17enne ed entrambi avevano confessato di aver appiccato gli incendi.

Il giovane è stato rilasciato a inizio novembre dalla detenzione preventiva, ma è stato fermato temporaneamente dopo i roghi dello scorso lunedì per un accertamento. Il 22ene è stato rilasciato il giorno seguente: secondo la Procura argoviese non vi erano indicazioni che egli avesse a che fare con gli attuali incendi.

Per la 17enne è invece responsabile la Procura giovanile del canton Lucerna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.