Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VELTHEIM AG - Ossa e resti di una zanna di mammut sono stati ritrovati da un esperto di esplosivi in una cava di Veltheim, nel Canton Argovia. Secondo gli archeologi i resti potrebbero essere i più antichi mai scoperti in Svizzera fino a questo momento.
I resti sono stati ritrovati in seguito ad un'esplosione provocata da parte della ditta Jura Cement, che ha immediatamente avvisato gli archeologi cantonali. Altre cinque forme circolari sono state notate nella parete, segno che altre zanne potrebbero venire alla luce.
Secondo il dipartimento argoviese dell'educazione, della cultura e dello sport, il ritrovamento potrebbe risalire alla penultima era glaciale (fra i 145'000 e i 230'000 anni), dato che - se confermato - renderebbe la scoperta la più antica mai fatta in Svizzera sui mammut. I resti dei giganteschi animali riemersi fino a questo momento su suolo elvetico datano infatti fra i 14'000 e i 55'000 anni fa.
Per estrarre le ossa si è reso necessario l'intervento di un esperto restauratore del progetto Paléojura, che si occupa della valorizzazione delle tracce di dinosauri a Courtedoux (JU). L'archeologo è stato aiutato dal personale e dalle macchine a disposizione di Jura Cement.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS