Navigation

AG: vasta operazione di polizia, 13 arresti

Importante operazione di polizia ieri nel canton Argovia. Polizia argoviese sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 novembre 2019 - 11:44
(Keystone-ATS)

Tredici persone, fra cui dieci presunti scassinatori, in arresto, una sparita dopo un tuffo nel Reno, diverse altre accusate di infrazioni del codice stradale.

È questo il bilancio della vasta operazione - 130 gli agenti coinvolti - condotta ieri nel canton Argovia da polizia e guardie di confine.

Numerosi gli interventi effettuati dalle forze dell'ordine, precisa un comunicato odierno. Nel pomeriggio, attrezzi da scasso sono stati rinvenuti in un veicolo con targhe rumene, mentre quattro albanesi a bordo di un'auto fermata sulla A1 sono stati collegati a furti avvenuti negli scorsi giorni.

A Wettingen sono scattate le manette per un cileno che si era intrufolato in una casa unifamiliare e a Zofingen un passante ha riconosciuto un uomo che la sera prima era penetrato nel suo appartamento. Si tratta di un richiedente asilo afghano che, arrestato, ha ammesso il reato.

A Frick, il conducente di una vettura targata Germania ha ignorato il segnale di stop dei poliziotti. Più tardi, l'automobile ha forzato un blocco stradale e dopo un incidente gli occupanti sono fuggiti, buttandosi nel Reno. Un croato e un francese sono stati ripescati dal fiume, ma non c'è traccia del terzo passeggero.

Inoltre, sette persone sono state trovate al volante dopo aver bevuto o assunto droghe. Altri due erano in viaggio nonostante la patente fosse stata loro ritirata.

I controlli si sono concentrati sulle uscite autostradali e lungo le principali vie di comunicazione, ma anche sulle stazioni ferroviarie. Le forze dell'ordine inoltre hanno cercato persone sospette in zone residenziali. Durante l'operazione è stato utilizzato un elicottero della polizia cantonale zurighese, dotato di una termocamera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.