Navigation

Ai Cantoni mancheranno i soldi della BNS

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2011 - 11:22
(Keystone-ATS)

La probabile assenza di versamenti da parte della Banca nazionale svizzera (BNS) e il nuovo sistema di finanziamento ospedaliero peseranno sui bilanci dei Cantoni. Quindici dei 21 governi che hanno già presentato i preventivo 2012 calcolano deficit e la situazione potrebbe deteriorarsi nel 2013.

La BNS, a causa delle perdite subite nell'esercizio volto ad arginare la forza del franco sull'euro, prevede di sospendere la distribuzione degli utili a Confederazione e Cantoni. Ha infatti "lasciato per strada" 21 miliardi di franchi nel 2010 e altri 10,8 nel primo semestre di quest'anno. Soltanto all'inizio del 2012 i Cantoni sapranno se potranno disporre del dividendo della banca centrale. Si tratta di una manna che solitamente rappresenta in media il 2% dei loro budget, ma svariati Cantoni hanno ci hanno già messo sopra una croce.

Altro cambiamento importante che inciderà sui bilanci: il nuovo sistema di finanziamento degli ospedali, che entrerà in vigore proprio a gennaio. Con tale sistema i Cantoni parteciperanno in particolare al finanziamento degli istituti privati e dovranno farsi carico di determinati costi generati dal ricovero di un paziente fuori dal proprio cantone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?