Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Scoperto nella banana un potente principio anti-Aids che è forte quanto due farmaci antiretrovirali già oggi in uso clinico. Secondo quanto riferito sul Journal of Biological Chemistry, si tratta di una lectina, una molecola che si 'appiccica' a glicoproteine (proteine 'zuccherate', cioé 'ornate' con molecole di zuccheri).
David Marvovitz, dell'University of Michigan Medical School, ha scoperto che la lectina della banana si attacca alla glicoproteina 'g20' del virus Hiv e gli impedisce così di infettare le cellule. 'BanLec', come è stata battezzata la lectina, potrebbe dunque divenire un ottimo principio attivo per una sostanza microbiocida che previene l'infezione.
Oggi la velocità alla quale le nuove infezioni avvengono ha di gran lunga superato, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, quella con cui i nuovi sieropositivi entrano in terapia: per ogni persona che inizia la terapia antiretrovirale, ci sono ben 2,5 nuove infezioni. Questo, insieme al fatto che un microbiocida ha un'efficacia del 60%, in tre anni sarebbe capace di prevenire ben 2,5 milioni di nuove infezioni di HIV, evidenzia l'importanza di trovare un principio attivo tale da prevenire i contagi.
BanLec potrebbe essere questo principio attivo: infatti si attacca in molti punti della superficie del virus e riesce a bloccarne l'ingresso nelle cellule.
Anche se le sue applicazioni cliniche sono di là da venire, in esperimenti in provetta la molecola 'appiccicosa' della banana si è dimostrata potente quanto due farmaci oggi in uso, T-20 e maraviroc.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS