Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"LOVE LIFE - Nessun rimpianto". Con questo slogano, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Aiuto Aids Svizzero e Salute sessuale Svizzera, hanno lanciato la nuova campagna contro le infezioni sessualmente trasmissibili. Contemporaneamente sono state pubblicate le cifre per l'anno 2013 che indicano una riduzione del numero di diagnosi di HIV.

La nuova campagna vuole quindi promuovere uno stile di vita basato sul piacere e sulla responsabilità. Considerando che una persona su tre ha dei rimorsi per i propri trascorsi sessuali e che una su due vorrebbe provare nuove esperienze, lo slogan "nessun rimpianto" è pertinente per tutte le persone sessualmente attive, ha affermato Regula Fecker della società Rod Kommunikation che ha ideato la campagna.

Fecker ha poi spiegato che i principali rimpianti delle donne sono la prima volta con il partner sbagliato, l'evoluzione troppo rapida della relazione e il sesso non protetto (per timore delle IST ma anche di una gravidanza indesiderata). I rimpianti per gli uomini sono invece le occasioni perse, un numero insufficiente di avventure e il sesso non protetto (per timore delle IST).

Considerando il tema, per la campagna si è scelto di mostrare persone durante l'atto sessuale. Si è fatta questa scelta semplicemente perché "si vuole far vedere di cosa si parla", ha spiegato Fecker.

Gli organizzatori della campagna sono peraltro alla ricerca di volontari che "vogliono mostrare la loro gioia di vivere e la loro passione davanti all'obiettivo di una macchina fotografica".

Per quel che concerne i dati sulle IST relative al 2013, Staub ha sottolineato che negli ultimi 10 anni il numero delle nuove infezioni è rimasto sostanzialmente stabile, negli ultimi 5 anni c'è poi una leggera tendenza al ribasso.

Concernente il virus dell'immunodeficienza umana (HIV), nel 2013 sono stati diagnosticati 575 casi, l'8% in meno rispetto all'anno precedente. Il sorprendente aumento registrato nel 2012 non è dunque stato un segnale di inversione di tendenza

SDA-ATS