Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante le dure misure di risparmio avviate dal nuovo amministratore delegato Hartmut Mehdorn, la compagnia aerea tedesca Air Berlin, gravata dagli aumenti del costo dei carburanti, ha chiuso i bilanci in rosso anche nel secondo trimestre 2012.

Secondo quanto reso noto dall'azienda tra aprile e giugno la perdita netta è stata pari a 66 milioni di euro, il 51% in più rispetto all'anno precedente. Il fatturato è cresciuto, nonostante la riduzione dei collegamenti offerti, dell'1,7% a 1,1 miliardi di euro.

Nel secondo trimestre i tagli operati dalla compagnia sono stati pari a 50 milioni di euro, oltre i 45 previsti. Per il futuro Air Berlin intende ridurre ancora la flotta e i collegamenti a lungo raggio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS