Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È di almeno 23 morti il bilancio dell'attacco terroristico, rivendicato da Al Qaida nel Maghreb islamico, cominciato ieri sera contro l'hotel Splendid e il caffè-ristorante Cappuccino di Ouagadougou, frequentati sia da locali che da stranieri.

L'attentato si è concluso stamattina dopo un lungo assedio delle forze speciali del Burkina Faso, affiancate da militari francesi arrivati dal vicino Mali.

A fornire il bilancio, ancora provvisorio, delle vittime è stato il presidente Christian Kaboré arrivato sul posto stamattina. Al termine del blitz, gli ostaggi evacuati dallo Splendid erano 126, di cui 33 feriti e trasferiti in ospedale.

Tra i primi 30 liberati, alle prime ore dell'alba, c'era anche il ministro della Funzione Pubblica, Clement Sawadopo, che poco dopo si è presentato puntuale alla riunione straordinaria del Consiglio dei ministri convocato sull'emergenza.

Non è ancora chiaro quanti fossero i terroristi in azione, ma secondo il governo quattro sono stati uccisi nel blitz delle forze di sicurezza. Tra loro anche due donne africane. Uno dei jihadisti, ha riferito ancora il presidente, è stato ucciso in un altro hotel, lo Yibi, dove si era asserragliato dopo l'evacuazione dello Splendid.

L'operazione è conclusa, ha annunciato il ministro dell'Interno Simon Compaore, ma tutta l'area resta chiusa da un ampio cordone di sicurezza dove sono ancora in corso ricerche e rastrellamenti.

Il ministro Compaore ha riferito inoltre che le vittime dell'attacco sarebbero di 18 nazionalità diverse, e che, in un episodio che non si sa se sia collegato all'attacco nella capitale, due austriaci, un medico e sua moglie, sono stati rapiti da estremisti nel nord del Paese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS