Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Al Sisi e Trump oggi alla Casa Bianca.

KEYSTONE/EPA ISP POOL/OLIVIER DOULIERY / POOL

(sda-ats)

Piena sintonia tra Donald Trump e Abdel Fattah Al Sisi, primo presidente egiziano a mettere piede alla Casa Bianca dopo otto anni di rapporti conflittuali con il Cairo sotto l'amministrazione Obama, in particolare per la questione dei diritti umani.

Questione che il tycoon ha deciso di sollevare "in modo privato", per non irritare un alleato considerato fondamentale per la comune lotta al terrorismo e la stabilità regionale, mentre Obama si era speso per chiedere chiarimenti anche sull'omicidio Regeni.

"Voglio solo che si sappia, nel caso ci siano dubbi, che sosteniamo molto il presidente al Sisi e il popolo egiziano. Al Sisi ha fatto un lavoro fantastico in una situazione molto difficile", ha dichiarato Trump nello studio Ovale dopo una calorosa stretta di mano che aveva invece negato ad Angela Merkel. "Usa ed Egitto combatteranno il terrorismo insieme", ha proseguito il presidente americano, assicurando di essere stato vicino al leader egiziano sin dal loro primo incontro durante la campagna elettorale, quando lo definì "una persona fantastica".

Al Sisi ha ricambiato, dicendo di apprezzare "profondamente la personalità unica" del presidente Usa, in particolare per la sua determinazione nel combattere il terrorismo. E non ha mancato di sottolineare con una punta polemica di essere il primo presidente egiziano invitato alla Casa Bianca negli ultimi otto anni. In effetti con Obama i rapporti si erano raffreddati a tal punto che gli Usa avevano sospeso gli aiuti militari, aprendo un'autostrada per la Russia. Ora Trump vuole riallacciare l'alleanza per accelerare la pressione militare contro l'Isis e aumentare la stabilità del Medio Oriente, dal conflitto israelo-palestinese alla Siria, dove Al Sisi sostiene il presidente Assad.

Non a caso ha già ricevuto alla Casa Bianca il principe saudita Mohammed bin Salman e mercoledì accoglierà il re di Giordania, segnando una netta inversione di rotta a favore del fronte sunnita, cui Obama aveva voltato le spalle. Al Sisi è arrivato a Washington per chiedere più rispetto (cosa che ha già incassato), più soldi (finora ha avuto 77 miliardi di dollari) e più armi. Secondo alcune fonti vorrebbe 1,3 miliardi di dollari in più negli aiuti militari che il Cairo riceve ogni anno. La Casa Bianca ha promesso di mantenere un livello di supporto "forte e sufficiente", ma bisogna vedere come riuscirà a far quadrare i conti con gli annunciati tagli agli aiuti internazionali. Il presidente egiziano preme anche perché gli Usa definiscano come organizzazione terroristica i Fratelli musulmani, di cui ha spazzato via il governo nel 2013 con un incruento colpo di stato, seguito però da una repressione implacabile e sanguinosa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS