Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consigliere federale Alain Berset (foto d'archivio)

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Il consigliere federale Alain Berset ha incontrato oggi Emmanuel Macron a margine del Salone del libro di Francoforte.

Il presidente francese "è stato caloroso" nei confronti della Svizzera, ha affermato il capo del Dipartimento federale dell'interno (DFI), soprattutto in merito agli sforzi compiuti in Svizzera per promuovere la lingua francese.

"La relazione tra Francia e Svizzera è stabile", ha aggiunto il consigliere federale alla trasmissione "Forum" della radio romanda RTS, dopo l'incontro con Macron. I due hanno indicato la lingua francese come denominatore comune tra i due Paesi.

È la prima volta che il vicepresidente del Consiglio federale incontra il presidente francese. Il friburghese ha poi approfittato dell'occasione per invitare in Svizzera la ministra francese della cultura ed ex editrice Françoise Nyssen.

Macron era presente a Francoforte per parlare del futuro europeo con la cancelliera tedesca Angela Merkel: ha nuovamente sostenuto l'idea che i dirigenti europei, con Merkel in testa, dovranno impegnarsi nella ristrutturazione dell'Europa nei prossimi due anni.

Il presidente francese si è inoltre espresso sullo stesso argomento anche nel corso di un dibattito in un'università di Francoforte. Secondo Macron vi è una certa urgenza e i dirigenti europei devono impegnarsi a fondo in questa rifondazione e proporre un piano per le elezioni europee del 2019.

Merkel, d'altra parte, ha sottolineato in un incontro con la stampa regionale tedesca di essere aperta alle idee di Macron ma che esistono delle "linee rosse". "Voglio che in futuro anche l'utilizzo dei mezzi europei sia esaminato in conformità con i principi di controllo e di responsabilità. Con me non ci sarà una mutualizzazione dei debiti nazionali", ha ribadito la cancelliera.

Il Salone del libro, inaugurato questa sera da Macron e Merkel, conta quest'anno 7150 espositori di 106 Paesi, tra cui la Svizzera. La Francia quest'anno è l'ospite d'onore della Fiera del Libro. Sarà quindi presente un numero di autori francofoni e anche diversi scrittori e illustratori svizzeri, tra cui Frédéric Pajak, Noëlle Revaz, Daniel de Roulet, Marie-Jeanne Urech e Zep.

Pro Helvetia e l'Associazione degli editori e dei librai della Svizzera francese hanno organizzato una serie di manifestazioni nel quadro del programma speciale "Francfort en français / Frankfurt auf Französisch".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS