Navigation

Algeria: un morto nel primo attentato dopo le elezioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 maggio 2012 - 12:57
(Keystone-ATS)

Un marinaio è stato ucciso, questa mattina, nel primo attentato terroristico compiuto in Algeria dopo le elezioni del 10 maggio. Si tratta di marinaio della Guardia costiera ucciso dallo scoppio di un ordigno all'uscita della città di Azzefoun, città ad una sessantina di chilometri a nord est del capoluogo della provincia, Tizi Aouzou.

Il marinaio, insieme ad altri militari, si trovava a bordo di un veicolo al cui passaggio è stata fatta esplodere una bomba comandata a distanza.

Così come in molti altri attentati compiuti con l'utilizzo di ordigni innescati con un telecomando, anche quello di oggi era nascosto sul ciglio della strada. Nell'ottobre dello scorso anno, sempre ad Azzefoun, due militari della Guardia costiera erano rimasti uccisi in un attentato dinamitardo, dalle modalità simili a quello odierno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?