Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'anno scorso sette persone al giorno sono state 'condannate a morte' ed il boia, nel mondo, è entrato in azione almeno 607 volte. Ma se il numero delle esecuzioni, rispetto al 2013, è in calo del 22%, aumenta del 28% il numero di verdetti alla pena capitale.

Un dato allarmante, denuncia il rapporto di Amnesty International che punta il dito sul 'futile' ricorso alla pena di morte che i governi stanno facendo anche per contrastare il terrorismo.

L'anno scorso "gli stati hanno fatto ricorso alla pena di morte nel futile tentativo di contrastare criminalità, terrorismo e instabilità interna". Come nel caso del Pakistan che ha ripreso le esecuzioni dopo l'attacco dei talebani contro una scuola di Peshawar e nel solo dicembre scorso ha messo a morte sette persone mentre il governo ha annunciato centinaia di esecuzioni per reati di "terrorismo". Il numero "dei paesi che hanno usato la pena di morte" per combattere il terrorismo e la criminalità è in aumento: si tratta di un dato "davvero vergognoso", basato sulla "falsa teoria della deterrenza", sottolinea Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

Il numero delle condanne a morte registrate nel 2014 supera di quasi 500 quello del 2013, soprattutto - spiega - a causa di Egitto e Nigeria, che hanno emesso condanne di massa nel contesto del conflitto interno e dell'instabilità politica che hanno caratterizzato i due paesi. Le esecuzioni registrate sono state 607, il 22 per cento in meno del 2013 (con l'esclusione della Cina, che da sola esegue più condanne a morte che il resto del mondo) ed hanno avuto luogo in 22 paesi, lo stesso numero del 2013. Ma la metà rispetto al 1995.

Ancora una volta, il primato del boia spetta alla Cina che ha messo a morte più persone del resto del mondo complessivamente considerato. Amnesty International ritiene che in quel paese ogni anno siano emesse ed eseguite migliaia di condanne a morte, il cui numero è però impossibile da determinare a causa del segreto di stato. Seguono l'Iran (289 esecuzioni rese note dalle autorità e almeno 454 non riconosciute), l'Arabia Saudita (almeno 90 esecuzioni), l'Iraq (almeno 61) e gli Stati Uniti d'America (35). Decapitazione, impiccagione, iniezione letale e fucilazione sono stati i metodi d'esecuzione impiegati nel 2014.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS