Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I media privati che non fanno parte della piattaforma pubblicitaria fra SSR, Swisscom e Ringier inoltreranno ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF) contro la joint venture avallata lunedì dall'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM).

La svizzerotedesca Schweizer Medien, la romanda Médias suisses e altre associazioni che rappresentano i media privati criticano le linee guida della commercializzazione congiunta pubblicate oggi. A loro avviso vi è un forte rischio che tale unione generi una distorsione della concorrenza sul mercato pubblicitario e una omogeneizzazione del panorama mediatico.

In un comunicato odierno i tre partner dell'alleanza affermano che "l'impresa pianificata non sarà una piattaforma chiusa, ma a disposizione anche di altri offerenti". E che la joint venture è pronta a commercializzare "tutte le offerte giornalistiche che si rivolgono a un pubblico svizzero".

Le associazioni dei media privati contraddicono tali affermazioni e sostengono che chi è al di fuori della joint venture sarà discriminato: l'impresa congiunta è orientata al guadagno e una piena partecipazione è esclusa; sarà possibile solamente stabilire relazioni commerciali pagando una commissione al mediatore. Inoltre se un media indipendente affida alla joint venture la promozione dei suoi spazi pubblicitari e lo sviluppo dei suoi prodotti esso si troverà inesorabilmente in una situazione di sudditanza strategica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS