Navigation

Allerta ghiacciaio: prosegue accelerazione, 105 cm in 24 ore

Il ghiacciaio Planpincieux, sul versante italiano del Monte Bianco. continua a preoccupare e a muoversi sempre più velocemente (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA ANSA/RICCARDO DALLE LUCHE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2019 - 16:42
(Keystone-ATS)

Prosegue l'accelerazione del fronte più avanzato del ghiacciaio di Planpincieux, il settore 'A'. Si tratta di una porzione da 50-60 mila metri cubi che ha raggiunto uno spostamento medio verticale di 105 centimetri nelle ultime 24 ore (un metro il giorno precedente).

Il suo crollo, hanno previsto i tecnici, non interesserebbe alcuna strada o abitazione. A partire da oggi anche i turisti, oltre che i residenti e i gestori delle attività, potranno transitare sulla strada comunale della Val Ferret che era stata chiusa per il pericolo di un maxi-crollo dal sovrastante Ghiacciaio Planpincieux, sul versante italiano del Monte Bianco.

Rallenta invece la massa da 250 mila metri cubi complessivi, il settore 'B', che passa da 30 a 25 centimetri nelle 24 ore. È ipotizzando il suo crollo che il comune di Courmayeur, il 24 settembre scorso, ha chiuso un tratto di 700 metri di strada comunale e ha evacuato alcune baite.

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati "piccoli crolli di circa 1.500 metri cubi", si legge nel bollettino di monitoraggio del ghiacciaio.

Per quanto riguarda il transito di veicoli, gli esercenti dovranno comunicare le targhe delle vetture dei propri clienti che potranno così essere autorizzati. "Essendo entrato a pieno regime tutte le fasi di monitoraggio del ghiacciaio - spiega all'agenzia di stampa italiana Ansa il sindaco di Courmayeur Stefano Miserocchi - questo ci permette una gestione diversa delle misure di protezione civile, consentendo l'accesso alla Valle di un po' più di persone, sempre comunque con un pieno controllo dei veicoli che entrano in Val Ferret".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.