Navigation

Alloggi Gerusalemme: Clinton, contrari a sforzi negoziato

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2011 - 07:53
(Keystone-ATS)

Gli Stati Uniti ritengono che la decisione di Israele di consentire la costruzione di 1100 nuovi alloggi a Gerusalemme Est sia "controproducente per i nostri sforzi per far riprendere i negoziati diretti tra le parti", ha detto la segretaria di Stato Hillary Clinton ieri sera ai giornalisti.

"Abbiamo a lungo sollecitato la due parti a evitare azioni che possano minare la fiducia, compresa, o forse soprattutto, a Gerusalemme. Ogni azione che possa essere vista come provocatoria", ha aggiunto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?