Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il settore svizzero dell'alluminio è in crescita: nel primo semestre le nuove commesse sono aumentate (su base annua) del 6,8%, raggiungendo un volume di 31'200 tonnellate. La progressione è stata del 3,1% per la clientela svizzera e del 9,2% per quella estera.

Grazie ai buoni tassi di utilizzo delle infrastrutture le aziende hanno potuto migliorare i loro margini, hanno indicato oggi i responsabili dell'Associazione svizzera dell'alluminio (Alu.ch) in una conferenza stampa organizzata nei capannoni della scuderia di Formula 1 Sauber a Hinwil, nel canton Zurigo.

"Le misure intraprese dagli 80 membri dell'associazione per mantenere la capacità di innovazione e la competitività hanno portato i loro frutti", ha affermato il presidente di Alu.ch, Markus Tavernier, citato in un comunicato. Le imprese hanno potuto approfittare anche della loro capacità di diversificazione.

La gran parte della crescita è stata generata dal ramo dei trasporti, vale a dire nei materiali per l'industria ferroviaria, automobilistica e aeronautica. A un buon livello è rimasta anche la domanda nel segmento degli imballaggi. Sono invece una volta ancora ristagnati gli affari nei comparti dell'energia, delle macchine e dell'elettronica. In generale la debolezza dell'euro continua a provocare problemi, incidendo sui margini.

L'incontro con i giornalisti è avvenuto presso la Sauber per mostrare i prodotti di punta realizzati con l'alluminio. La scuderia utilizza ogni anno 12 tonnellate di questo metallo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS