Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un gruppo di scienziati dell'Università di Leicester, in Inghilterra, sarebbero arrivati a un "punto di svolta" nella lotta contro l'Alzheimer e le altre malattie neurodegenerative: hanno trovato una sostanza chimica in grado di bloccare la degenerazione del tessuto celebrale.

Gli esperimenti col particolare composto sono stati sino ad ora compiuti solo sui topi ma in futuro saranno estesi anche agli essere umani. La sostanza dovrà essere prima adattata per la sperimentazione umana - quella attuale ha tutta una serie di effetti collaterali - e potrebbe avere ottimi risultati su altre malattie come il morbo di Parkinson.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS