Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Amazon sorprende Wall Street, mettendo a segno una trimestrale che batte tutte le attese degli analisti e degli investitori.

Da aprile a giugno il gigante del commercio online ha fatto registrare utili per 92 milioni di dollari e vendite in rialzo vertiginoso del 20%, per un totale di 23,18 miliardi di dollari. E dire che solo un anno fa si assisteva ad un crollo dei guadagni del gruppo di Seattle, con perdite pari a 126 milioni di dollari.

Ma alla lunga la strategia del numero uno e fondatore della società, Jeff Bezos, potrebbe finalmente pagare e dare i risultati attesi. Visto che la gran parte delle perdite o dei risultati deludenti dei trimestri passati sono legati soprattutto agli investimenti forsennati fatti dai vertici di Amazon in varie direzioni, soprattutto nel settore dei servizi. "Le spese che hanno fatto a partire dal 2010 cominciano a pagare in maniera significativa", commentano gli analisti.

Così di fronte a una trimestrale da incorniciare, il titolo del gruppo vola a Wall Street guadagnando fino al 20% nelle contrattazione after hours, per un valore delle azioni oltre i 560 dollari, ben oltre il loro precedente record di 493 dollari.

Un risultato importantissimo per il gruppo di Bezos, anche alla luce della durissima concorrenza non solo da parte degli altri giganti del commercio online, vedi E-Bay o Alibaba, ma anche da parte delle tante startup che vanno moltiplicandosi nell'offrire servizi di consegna a domicilio sempre più rapidi ed efficienti.

Intanto Bezos può sorridere anche per le sue fortune personali, visto che nella classifica dei 400 uomini più ricchi del mondo stilata sulla base del Bloomberg Billonairès Index con i suoi 46,3 miliardi di dollari è uno dei pochi a restare dietro a Bill Gates e a un altro pugno di irraggiungibili Paperoni. Ma soprattutto nel settore del web è uno dei pochi a tenere botta all'irresistibile ascesa di Mark Zuckerberg, 'gurù' di Facebook.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS