Navigation

Amazzonia: Bolsonaro torna ad attaccare Macron su incendi

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha attaccato nuovamente Macron. KEYSTONE/AP/ERALDO PERES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2019 - 14:59
(Keystone-ATS)

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro è tornato a criticare il suo omologo francese, Emmanuel Macron, accusandolo di aver diffuso "fake news" sulla situazione degli incendi e la deforestazione in Amazzonia, dove secondo lui la crisi non è così grave.

"Quello di Trump è stato l'intervento decisivo per contenere Macron, che aveva lanciato una campagna contro il Brasile basandosi su 'fake news'", ha detto Bolsonaro in una intervista televisiva trasmessa lunedì notte, alla vigilia del suo annunciato ritorno al lavoro, dopo otto giorni di ricovero per un intervento chirurgico all'addome al quale si è sottoposto per le conseguenze dell'attentato che ha subito un anno fa.

Secondo il presidente brasiliano "gli incendi ci sono stati, ma non nella proporzione di cui ha parlato la stampa europea", a causa della campagna di dirigenti come Macron. Il capo di Stato francese ha denunciato una "emergenza globale" a causa della situazione in Amazzonia in coincidenza con il vertice G7 di Biarritz del mese scorso, il che ha portato a un duro scontro fra la Francia e il Brasile.

La tensione internazionale sulla situazione in Amazzonia ha compromesso anche i contributi di Norvegia e Germania al Fondo Amazzonia, messo in discussione la ratifica da parte dei Paesi dell'Unione Europea del trattato di libero scambio con il Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay) e portato alcune aziende a sospendere i loro acquisti di prodotti brasiliani.

Bolsonaro ha ribadito che domenica prossima intende recarsi a New York - secondo la tradizione del Palazzo di Vetro è il Brasile ad aprire i dibattiti dell'Assemblea Generale dell'Onu - dove ha promesso che pronuncerà un "discorso conciliatorio". Secondo gli analisti dei media brasiliani, i consiglieri del presidente gli hanno consigliato di usare uno stile sobrio per il suo intervento, temendo un possibile boicottaggio da parte di altri capi di Stato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.