Navigation

Amy Winehouse: oggi cremata, padre, buonanotte angelo

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2011 - 19:36
(Keystone-ATS)

"Buonanotte mio angelo. Dormi bene. Mamma e papà ti ameranno per sempre". Mitch Winehouse, tassista con la passione del jazz, ha dato l'ultimo addio alla figlia Amy in una commovente eulogia nel cimitero ebraico di Edgewarebury, 20 chilometri di distanza dalla casa di Camden Square che da tre giorni è diventata una Strawberry Fields della memoria e del dolore per i fan della cantante. Si è riso e si è pianto.

Si è cantato 'So Far Away' di Carole King, la sua canzone preferita: "È più felice adesso di quanto non sia stata in molti anni", ha detto Mitch, l'unico a parlare al cimitero oltre al rabbino Frank Hellner, evocando davanti a cento ospiti il tormentato cammino della figlia ma poi anche la sua straordinaria voce soul, i momenti buffi della sua infanzia, il senso dell'umorismo e soprattutto la "fantastica guarigione" dal tunnel distruttivo dell'alcol e della droga.

Kelly Osbourne, tra i primi a "twittare" sabato che Amy era morta, è arrivata con i capelli biondi acconciati come lei, a 'tuppo'. Mark Ronson, il producer di Back to Black, è arrivato scuro in volto e non ha commentato voci di un album postumo come ha scritto il Daily Telegraph. Amy è stata poi cremata a Golders Green, nella stessa cappella dove cinque anni fa fu ridotta in cenere sua nonna Cynthia, una cantante che aveva avuto una storia con la leggenda del jazz Ronnie Scott. Le ceneri delle due donne sono state mischiate prima di essere disperse al vento.

Dopo la cremazione i familiari si sono chiusi in raccoglimento nella sinagoga di famiglia: Amy non era particolarmente religiosa ma non aveva sconfessato la fede degli antenati, spesso portava una collanina con la stella di David.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?