Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche Christian Levrat suggerisce una doppia candidatura ticinese con almeno una donna

KEYSTONE/VINCENT VANNAY

(sda-ats)

Se il PLR vuole davvero un rappresentante ticinese in Consiglio federale deve presentare un doppia candidatura con almeno una donna, se vuole una rappresentante femminile deve proporre un ticket femminile.

Lo afferma Christian Levrat, presidente del PS svizzero, in un'intervista alla NZZ am Sonntag.

Il PLR sta gestendo la successione di Didier Burkhalter in Consiglio federale in maniera dilettantesca, afferma Levrat precisando di non capire la strategia dei liberali radicali.

Se vogliono un ticinese nel governo federale - sostiene il presidente socialista - devono proporre una doppia candidatura italofona, con almeno una donna. Per Levrat, il PLR ha un problema di uguaglianza al suo interno, ma pare non preoccuparsene. L'ultima volta che il partito ha avuto una rappresentante in Consiglio federale era il 1989, fa notare Levrat.

Ieri anche l'ex consigliera di Stato Laura Sadis aveva suggerito una doppia candidatura ticinese con una donna per la successione di Didier Burkhalter sottolineando che le donne PLR vogliono assolutamente avere una consigliera federale.

SDA-ATS