Navigation

Anche i cantoni vogliono approfittare del pacchetto da 2 miliardi

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 agosto 2011 - 14:29
(Keystone-ATS)

Il pacchetto di aiuti da 2 miliardi della Confederazione per lottare contro le ripercussioni del franco forte suscita anche l'appetito dei cantoni. Visto che la Banca nazionale svizzera (BNS), a causa della crisi monetaria, intende rinunciare a ridistribuire i suoi utili, i direttori cantonali delle finanze si aspettano quindi una compensazione.

In base alla convenzione tra BNS, Confederazione e cantoni, quest'ultimi ricevono dal 2002 1,67 miliardi di franchi all'anno, ha ricordato il presidente della Conferenza dei direttori cantonali (CDF), il solettese Christian Wanner.

"La Confederazione dispone ormai di 2 miliardi in più. Potrebbe allora compensare almeno in parte i mancati introiti" derivanti dalla BNS, ha dichiarato Wanner in un'intervista pubblicata oggi dal domenicale "Zentralschweiz am Sonntag".

La CDF non si è ancora espressa ufficialmente su questa questione. "Tuttavia da più parti voci si sono fatte sentire in tal senso", ha affermato Wanner, ammettendo che esse si sono ancora accentuate visti i miliardi in prospettiva. Con le indennità compensatorie della Confederazione per i mancati utili della Banca nazionale, i cantoni potrebbero limitare gli aumenti delle imposte, ha aggiunto il consigliere di Stato solettese.

I cantoni hanno incontrato all'inizio della scorsa settimana la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf e la direzione della BNS. Nulla è ancora stato deciso sul tema della redistribuzione degli utili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?