Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo Belgrado anche Mosca ha criticato la bozza di risoluzione su Srebrenica messa a punto dalla missione britannica all'ONU, sostenendo che si tratta del tentativo di screditare l'immagine della Serbia, 'colpevolè di non aver aderito alle sanzioni contro la Russia.

Per Aleksiei Pushkov, capo della commissione esteri della Duma (Camera bassa del parlamento russo), oggi in visita a Belgrado, tale documento su Srebrenica - che dovrebbe essere discusso al consiglio di sicurezza dell'Onu il 7 luglio - mira a mettere la Serbia contro i popoli musulmani, e una sua eventuale adozione produrrebbe più danni che vantaggi.

A Srebrenica, ha detto Pushkov, non vi genocidio, e bisogna chiedersi perchè per altri crimini analoghi commessi in Europa non si parli di genocidio. Per l'esponente russo, l'Occidente adotta il metodo dei doppi standard, arrogandosi il diritto di decidere cosa è crimine e cosa non lo è.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS