Navigation

Ancora emergenza smog a New Delhi, bambini in casa

Una cappa inquinata è ferma sulla megalopoli indiana. KEYSTONE/EPA/RAJAT GUPTA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2019 - 13:09
(Keystone-ATS)

Scuole ancora chiuse per il quarto giorno consecutivo di emergenza smog a New Delhi: la capitale indiana risulta oggi la città più inquinata del mondo, con una media di AQI (air quality index) che misura le particelle velenose nell'atmosfera, pari a 560.

Un avviso vocale nella app dello stesso Dipartimento ripete la frase "Attenzione: aria pericolosa per la salute; i bambini e le persone a rischio devono evitare ogni tipo di attività all'aria aperta".

Questa mattina, mentre l'amministrazione di Delhi annunciava che il provvedimento del traffico a targhe alterne verrà ridiscusso lunedì prossimo, e forse prorogato, la Corte Costituzionale, in una udienza sullo smog, ha definito le targhe alterne "una misura stracotta", un palliativo. E ha ordinato al governo centrale di preparare in tempi rapidi un progetto per installare le torri antismog che hanno avuto buoni risultati in varie metropoli cinesi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.