Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La visita di sei giorni in Africa della consigliera federale Simonetta Sommaruga si è conclusa in Angola con la firma di due accordi. Un documento riguardante la riammissione di richiedenti l'asilo respinti è stato siglato oggi a Luanda, mentre ieri si è trovata l'intesa per l'esenzione dei visti per i diplomatici, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP).

Il primo accordo, firmato con il ministro degli interni Angelo Veiga Tavares, ricalca a grandi linee quello firmato due giorni fa con la Repubblica democratica del Congo. Comprende in particolare l'obbligo di riammissione dei richiedenti l'asilo respinti e prevede inoltre una cooperazione in materia di migrazione più ampia, si legge nella nota.

In un colloquio con il ministro della giustizia Rui Jorge Carneiro, la consigliera federale è stata aggiornata sulle sfide che sta affrontando l'Angola, che fino al 2002 è stato colpito da una guerra civile durata 27 anni. Il paese Africano è anche coinvolto in problemi di immigrazione, specialmente nel nord, area nota per l'abbondante presenza di diamanti. Dopo l'incontro, è stata visitata una miniera di estrazione della preziosa pietra.

La consigliera federale si è inoltre intrattenuta con rappresentati della società civile angolana, come responsabili di organizzazioni non governativi e giornalisti. La Sommaruga termina così il viaggio iniziato venerdì, durante il quale ha visitato Nigeria, Repubblica democratica del Congo e Angola. Tornerà in Svizzera domani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS