Navigation

Anno idrologico troppo secco in quasi tutto il Paese, non ad Est

L'anno idrologico appena conclusa (1 ottobre-30 settembre) è risultata troppo secca in quasi tutto il Paese. Fiumi e laghi hanno spesso avuto livelli molto bassi, e i ghiacciai hanno continuato a ritirarsi. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2019 - 17:28
(Keystone-ATS)

Fatta eccezione per l'est della Svizzera, l'annata idrologica appena conclusa (1 ottobre-30 settembre) è risultata troppo secca in quasi tutto il Paese. Fiumi e laghi hanno spesso avuto livelli molto bassi, e i ghiacciai hanno continuato a ritirarsi.

Secondo il bilancio pubblicato oggi da SRF Meteo, nella parte occidentale dell'altopiano l'anno idrologico 2018-2019 è stato ancora più asciutto di quello precedente, marcato da una grande siccità estiva.

L'annata è risultata generalmente troppo secca nell'ovest e nel sud del Paese, mentre è stata troppo umida nell'altipiano e nelle Alpi orientali, nonché nei Grigioni centro-settentrionali. A Coira, ad esempio, le precipitazioni sono state il 25% superiori rispetto a un anno medio.

Secondo il servizio meteorologico della TV svizzero tedesca, sembra confermarsi la tendenza a fluttuazioni sempre più marcate da un anno all'altro.

La divisione Idrologia dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha detto all'agenzia di notizie Keystone-ATS che l'anno idrologico appena concluso è stato in generale caratterizzato dalla magra. Nel complesso, tuttavia, i regimi di fiumi, torrenti e laghi svizzeri non hanno raggiunto i livelli dell'estate e dell'autunno 2018.

I corsi d'acqua alpini hanno portato molta più acqua del solito a causa del forte scioglimento di neve e ghiacciai. Però attualmente i livelli di fiumi e laghi dell'altopiano centrale e occidentale e del Giura sono nettamente al di sotto dei normali livelli stagionali. I livelli delle acque sotterranee sono in parte normali e in parte bassi.

Malgrado le consistenti nevicate invernali, i ghiacciai hanno continuato a ridursi, sia in lunghezza che in volume. E secondo SRF Meteo un cambiamento di tendenza non è in vista: il trimestre estivo 2019 è stato il terzo più caldo di sempre.

Il motivo principale per cui l'anno idrologico dura da ottobre a settembre è dovuto al fatto che la neve che cade nel tardo autunno può di solito defluire solo l'anno successivo. Un calcolo teorico del contenuto d'acqua nella neve sarebbe troppo complicato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.