Navigation

Antartide: satelliti riprendono distacco di un enorme iceberg

Un iceberg grande quanto la superficie di Malta si è staccato negli scorsi giorni KEYSTONE/EPA COPERNICUS/EUROPEAN UNION/EUROPEAN UNION - CONTAINS M sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2020 - 19:49
(Keystone-ATS)

Un iceberg di oltre 300 chilometri quadrati, grande pressappoco quanto Malta, si è staccato dal ghiacciaio di Pine Island in Antartide, generando enormi frammenti.

Lo documentano le immagini riprese dallo spazio dalla coppia di satelliti Sentinel-1 di Copernicus, il programma per l'osservazione della Terra gestito da Agenzia spaziale europea (Esa) e Commissione Europea.

Già l'anno scorso i satelliti dell'Esa avevano individuato due grandi fratture nel ghiacciaio e col passare dei mesi i ricercatori avevano potuto osservare la velocità con cui queste crepe si stavano allargando.

Dal febbraio 2019 ad oggi, la missione Sentinel-1 ha catturato ben 57 immagini radar (la più recente è del 10 febbraio 2020): rielaborate in un'animazione video, mostrano la sorprendente rapidità del processo che ha portato al distacco di queste ultime ore. L'iceberg ha poi generato diversi frammenti: il più grande è stato chiamato B-49.

"I satelliti Sentinel-1 di Copernicus hanno aperto un oblò attraverso cui le persone possono osservare eventi come questo che accadono in regioni remote del mondo", commenta Mark Drinkwater, esperto di criosfera dell'Esa. "Quello che è davvero preoccupante - prosegue - è che il flusso quotidiano di dati rivela la drammatica velocità con cui il clima sta cambiando il volto dell'Antartide".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.