Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Politecnico federale di Losanna (EPFL) ha vinto il concorso indetto dall'Agenzia spaziale europea (ESA) per progettare e costruire le antenne dei satelliti di nuova generazione. Questi verranno utilizzati per la comunicazione, gli esperimenti scientifici e le osservazioni spaziali.

Le antenne sono il risultato di una collaborazione tra il laboratorio di elettromagnetica e acustica, lo Space Center e l'impresa JAST del parco scientifico dell'EPFL. "Un consorzio al 100% svizzero", precisa il Politecnico in un comunicato.

Il progetto dell'ESA concerne nano-satelliti di un peso di circa 10 chilogrammi che hanno una forma cubica di 25 centimetri di lato. L'antenna sviluppata dall'EPFL è integrata nella superficie del satellite e copre quattro facce. Non avendo sporgenze, l'apparecchio è facilmente manipolabile, in particolare durante la fase di lancio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS