Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Se fosse vivo Steve Jobs dovrebbe essere arrestato: era una "violazione ambulante delle norme Antitrust". Lo afferma - riporta il New York Times - Herbert Hovenkamp, professore al College of Law dell'Università dell'Iowa, riferendosi al patto promosso da Jobs agli altri big della Silicon Valley per non strapparsi dipendenti e alle azioni legali per gli eBook, con molte case editrici che hanno patteggiato a fronte dell'appello presentato da Apple.

Jobs sembra non aver mai letto il primo paragrafo dello 'Sherman Antitrust Act', nel quale si afferma che la "cospirazione e il limitare gli scambi commerciali" è illegale e chiunque si impegni in questa attività dovrebbe essere dichiarato colpevole e "multato o incarcerato per non più di tre anni".

La condotta di Jobs ricorda come la "differenza fra genio e comportamento potenzialmente criminale è una linea sottile". Jobs ha sempre ritenuto che le regole che si "applicano alla gente comune non avrebbero dovuto applicarsi a lui. Questo era la sua genialità ma anche la sua originalità.

Riteneva di poter sfidare le regole della fisica e distorcere la realtà e questo gli ha consentito di fare cose fantastiche ma anche di spingersi oltre" afferma con il New York Times, Walter Isaacson, autore della biografia di Steve Jobs.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS