Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apple investe sull'intelligenza artificiale rilevando, per 200 milioni di dollari, la start up Turi, specializzata in sistemi di apprendimento automatico.

A dare la notizia, non confermata ufficialmente, è Bloomberg, secondo cui l'acquisizione potrà alimentare Siri, l'assistente virtuale di Apple.

L'operazione si inserisce nella battaglia tra big come Apple, Google e Facebook nell'ambito dell'intelligenza artificiale e, in particolare, nella cosiddetta "computazione pervasiva", cioè la capacità della macchina di dedurre automaticamente ciò che un utente desidera o necessita.

Per la casa di Cupertino non si tratta della prima acquisizione di start up incentrate sull'intelligenza artificiale: a gennaio ha rilevato Emotient, specializzata nel riconoscere le espressioni facciali, mentre nel 2015 ha comprato VocalIQ e Perceptio per potenziare Siri.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS