Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sette giovani condannati a morte per rapina a mano armata sono stati giustiziati in Arabia Saudita nonostante l'appello delle organizzazioni di difesa dei diritti umani. Lo riferisce un testimone locale.

"I sette sono stati fucilati nella piazza pubblica della città di Abha", nel sud del Paese, ha precisato la fonte. Erano stati condannati per aver rapinato una gioielleria nel 2005, quando erano ancora minorenni. I difensori dei diritti umani avevano chiesto alle autorità di sospendere l'esecuzione sostenendo che il processo presentava diverse irregolarità e che i giovani avevano subito torture.

"L'esecuzione di sette uomini sarebbe un atto di brutalità pura", aveva detto Amnesty International in un comunicato diffuso poco prima dell'esecuzione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS